I wanna be THIN.
I wanna be HAPPY.
I wanna be EVERYTHING.
But I am NOTHING.

mercoledì 6 ottobre 2010

~22. If you can't save me just walk me away and...

Mi sono tagliata. Sì.
Spiego le cose dall'inizio.
Ieri sono andata a studiare a casa di un'amica, e la versione di greco era difficilissima e lunghissima. Alle 7 e mezza io vado a casa -passando per una graffetta e una vaschetta di patatine -.- - e lei va da un'altra amica per continuare a studiare..va a dormire da lei, e dice che mi chiamerà se finiscono la versione. Non mi chiama, deduco che non l'hanno finita, vado a scuola tranquilla pensando che tanto non sono l'unica, e anche gli altri lo diranno al professore. Ma poi il giorno dopo vengo a scoprire che la versione l'avevano finita eccome, solo che si erano "dimenticate" di chiamarmi.
Ma certo. Come avrei potuto credere che si sarebbero ricordate di me? Che importanza posso mai avere?
Devo smetterla di illudermi ogni volta.
Comunque a scuola il professore chi interroga in greco? Me. Ovviamente vado male e prendo 5. Io volevo iniziare ad andare bene..
Suona la campanella, chiedo alle mie amiche di aspettarmi 5 minuti perchè devo parlare con il prof, dicono di si. Scoppio a piangere, ho davvero bisogno delle mie amiche. Convinta che mi stanno aspettando, scendo le scale di scuola ancora piangendo, esco..e loro se ne sono andate. Mi faccio tutta la strada fino alla stazione cercando di nascondere le lacrime, sola come una povera disperata, che in realtà sono. Torno a casa e mio padre torna alle 4. Disperata, in lacrime, così...sofferente da piegarmi in due, prendo il coltello e mi faccio un taglio sul fianco. Sto lì a guardarlo sanguinare, finchè la striscia di sangue non arriva per terra..ritorno in me, mi disinfetto, pulisco e mi medico. Combacia perfettamente con il punto che copre l'elastico della mutandina, lo coprirò così. Spero che non mi controllino fino a quel punto..è da due giorni che non lo fanno. Speriamo. Altrimenti semplicemente dirò la verità: che per me è impossibile non farlo, ed  è l'unico modo per sopravvivere.
Passando a cose...migliori in un certo senso, oggi sono andata dal nutrizionista.
Mi ha dato un'ottima impressione, sembra davvero un ottimo medico e un'ottima persona. Quanti ottimi.
Mi ha chiesto tante cose, i miei problemi sul cibo, quando sono iniziati, esattamente in cosa consistono, e poi se avessi altre cose da dirgli. Dopo il mio silenzio dice che la Trapanese -mia  dottoressa- gli ha già detto qualcosa. Allora glielo dico: depressione, autolesionismo. Mi guarda triste, e poi annota tutto. Il peso alla nascita, il mio peso di ora dopo avermi pesata -non me lo dice. Non potrò conoscere il mio peso. Alle ragazze con dca non dice mai quanto pesano, le pesa di spalle. A casa i miei dovranno buttare la bilancia, non dovrò pesarmi, mai, se non da lui, una volta a settimana. Mi ha detto che dovrò fare esattamente come dice lui, e mi permetterà di arrivare a 55 chili. Mi sento una subdola bugiarda quando ho fatto cenno di si alla sua domanda: "Vuoi stare bene?" No. Voglio solo dimagrire. Ma ti userò per arrivare ai 55 chili e poi a lì dimagrire ancora. E mi sento così in colpa a pensarlo..ma non posso evitarlo.
Questa prima settimana la passerò scrivendo un diario alimentare per lui, per vedere come mangio..anche se già lo sa. Poi inizierà la dieta vera e propria. Non so, speriamo che così riuscirò a diventare m a g r a.
E' stata una giornata per metà pessima, per metà decente e piena di speranza.
Oh, e ho comprato il calendario 2011 di Alice In Wonderland!
Questo mi ha tirata un pochino su. Amo quel film, amo Tim Burton, Johnny Depp, Anne Hathaway e Helena Bonham Carter.
La mia giornata termina con un sorriso, dopo tutto. Forse tagliarmi mi ha aiutata a calmarmi. Anche se dopo mi sono abbuffata come un maiale: Hamburger, rotolini di granchio, due tazze di latte con cioccolato e cereali, pane e burro, ananas, fichi d'india.
Menomale che il diario alimentare con lui l'ho cominciato stasera...
E a voi come va?
Un abbraccio forte,
L.

martedì 5 ottobre 2010

~21. If life ain't just a joke, then why am I dead?

Ploff. Si, ploff. Come un peso morto che cade nell'acqua. Come il mio enorme corpo che cade sulla sedia. Come le mie parole pesanti che cadono sullo schermo. Due giornatacce, ma quando mai passo una giornata davvero decente, io?
Quando succederà state certi che sarò subito qui a scriverlo..questo blog, in effetti, è tutto quello che ho. Triste? Probabilmente. Ma resta la verità. Ma almeno non mi crogiolo in un mondo tutto mio, dove tutto mi va bene.

Oggi mi sono abbuffata di nuovo, e stasera devo mangiare la pizza, quindi la dieta è andata a fare in sederino. Ma tanto domani vado dal nutrizionista per la prima volta, quindi inizierò una dieta totalmente nuova, sperando che stavolta riuscirò a seguirla.

Mi sento sempre più spinta al limite, sull'orlo di tentare di farla finita, sull'orlo di una crisi isterica, di una crisi di autolesionismo. Ecco, sull'orlo. La terra dietro mi è crollata tutta, ma non ho terra neanche davanti, e l'unica cosa che posso fare è continuare a rimanere in bilico sul minuscolo lembo di terra che mi rimane per appoggiarmi. E cadrò. Lo so, che cadrò. E forse non farà più tanto male. Anzi, ne sono certa, più che certa. Sarà finalmente riposo, finalmente pace, e serenità, e al solo pensarci mi vengono le lacrime di gioia agli occhi. Posso stare bene, è solo a una lama di distanza. Presto, presto, prenderò in mano quella lama. E non m'importa di cosa qualcuno potrà dire, è l'unica  cosa rimasta da fare per me. Sono una rovina, un fantasma, una delusione, immeritevole di vivere e di essere felice. Infatti non faccio nè l'una nè l'altra cosa. Non vivo, perchè sono morta, e non sono felice, perchè...perchè non lo so neanche io, il perchè è una parola così effimera..cosa importa il perchè di fronte all'attuale sofferenza?
Fate che smetta, fate che smetta...
Non ce la faccio più, così.
BASTA. BASTA!!


P.s. : per Laura (bitter_sweet) ho ascoltato una canzone che mi fa pensare a te, e alla tua situazione. Eccola: http://www.youtube.com/watch?v=ypqxGcKNQ5U
:)

Un bacio a tutti,
L.

domenica 3 ottobre 2010

~20. A parte che ho ancora il vomito.

Per quello che riescono a dire. 
Non so se son peggio le balle oppure le facce che riescono a fare.
[..]
Niente paura, niente paura
Niente paura ci pensa la vita mi hanno detto così
Niente paura, niente paura
Niente paura si vede la luna perfino da qui.. 



Vorrei tanto riuscire a vedere la luna. Ma ci sono tante, troppe nuvole, e troppo poco vento per spazzarle via.
Avrei voluto postare ieri, ma non sto molto bene, credo di avere l'influenza. Cosa che spinge i miei genitori a farmi mangiare di più, altrimenti non guarisco. (!!!!) 
Ma certo che mi ci metto anche io..ma non so resistere ai miei piatti preferiti.
Insalata di farro, pomodori e mozzarella. Mmm, la mozzarella che c'è qui. Mmm, il farro.
E stasera ristorante cinese. Dio, io amo il cinese. Eppure l'ho odiato pechè è così buono. Perchè devo amare mangiare? Così è tutto più difficile.
E' deciso, mercoledì andrò da questo nutrizionista.
Let's hope it's a good one.
Vaaabbè, da dove mi esce la citazione di Lennon?
Scusate, sono le due e mezza di notte, inizio a dare i numeri.
Sapete cosa sto rileggendo?
Harry Potter.
Oh, si, la serie con cui sono cresciuta.
Il primo vero romanzo che ho letto, che mi ha fatta appassionare, sognare.
A 11 anni avrei davvero voluto ricevere la lettera da Hogwarts.
E ancora ora, mi piacerebbe tanto che la magia esistesse.
Sarebbe un mondo con meno persone disincantate, con più speranza, e più divertimento.
Un mondo meno grigio.
Non trovate?

Venerdì sono stata sulle 700 calorie, credo, ma non sentendomi bene non sono andata a correre.
Oggi...oggi almeno 1500, sicuro. Dio, che senso di colpa. Però non mi sono abbuffata, ho mangiato normale, almeno è qualcosa.
Stamattina stavo talmente male che sembravo malata. Mia madre mi ha misurato la febbre. 36.7. Ma ho approfittato del mio aspetto e non sono andata a scuola. Non riuscivo a pensare di dover vivere questa giornata, troppo, troppo doloroso. Così sono rimasta a casa con mia madre, che il sabato non lavora. Mi è sembrato di tornare a essere piccola, quando alle elementari la aiutavo a fare le torte, e papà tornava a casa con i dolci.
Ero così serena.
Così adorabilmente speranzosa.

Ah, ascoltate questa, bella bella bella.
Sono tornati.
My Chemical Romance.
No, non sono emo, sono geniali. Punto.

Vi prego, vi prego, vi prego, ascoltatela.
Mi fa stare davvero meglio. Non so perchè. Forse tutti quei Na. E la sua voce, l'adoro. E il testo, anche. Aaah...
Da Ligabue a Lennon a My Chemical Romance.
Epperò, che viaggetto.
Notte a tutti..
Love you, 
L.